NELLA VITA CI SI PERDE

"Certo, la sofferenza non può mai essere debellata totalmente perché le prepotenze sociali restano, perché la morte alla fine arriva, perché la vita comunque è dura.
La nostra capacità di sopportare le difficoltà, di raccogliere le energie di fronte a una piccola salita, di pretendere qualcosa di più da noi stessi grazie a uno sforzo anche esiguo, ormai si sta esaurendo. Andiamo avanti a pasticche che sollevano dalla depressione o smorzano l’ansia, beviamo per non sentirci inadeguati, abbassiamo ogni giorno gli obbiettivi, ci ritiriamo da ogni confronto, anche dal confronto con la nostra vita e con i nostri sogni. Tutto va bene così com’è, e se non va bene ci si può sempre voltare dall’altra parte, distrarsi, stordirsi, evitarsi."

"Te la lascio qui questa rosa, non so nemmeno se passi ancora da questa piazza, non so più dove lavori, nemmeno dove abiti, ne con chi.
Quello che so di te é radicato nei miei ricordi, il colore dei tuoi occhi, quanto cambiavano alla luce del sole nelle giornate d’aprile in quel parco che conoscevamo praticamente solo noi, il tuo colore preferito, il tuo odore e quel tuo modo assurdo di camminare, la tua risata sincera e anche quella imposta,ricordo la tua faccia stranita appena sveglia.
Forse non sei neanche mai esistita, forse ho inventato tutto, stanco di passare da una troia all’altra ho pensato bene di crearmi una donna tutta mia, perfetta. Giusto per riempire la mia testa complicata, per innamorarmi in maniera incondizionata, tanto per non stare solo."

D.k.
Sperm